Tre giorni a Venezia – gli ultimi scorci sulla Città dei Canali - giorno 3

Oggi siamo diretti fuori del centro di Venezia per visitare le isole a nord della laguna: Murano, Burano e Torcello. Il piano è alzarsi presto e passare una giornata indimenticabile.

Comprate un biglietto giornaliero per il vaporetto, potete scegliere se partire da Fondamenta Nuove, da Piazzale Roma o da San Zaccaria vicino a Piazza San Marco, Murano sarà la nostra prima tappa.

09:00 - 11:30 – Murano l’isola del vetro soffiato

Murano by potomoMurano è famosa per essere l’epicentro dell’industria del vetro soffiato di Venezia, dal 1291 ci sono più di 200 forni per la lavorazione del vetro.

Scendete dal vaporetto alla fermata Colonna e dirigetevi in una delle fabbriche per vedere dal vivo un’esecuzione della soffiatura del vetro. Vedere i ‘mastri’ che lavorano magistralmente per creare vasi, bicchieri e persino animali di vetro è un piacere per grandi e piccini. Imparare l’arte di soffiare il vetro richiede molti anni di apprendistato prima di ricevere la qualifica di maestro. Dopo la dimostrazione, fate un bel giro nei numerosi showroom e negozi che costeggiano le vie principali di Murano.

Making a Glass Horse by ahisgettMentre siete a Murano, ammirate la sua piccola versione del Canal Grande e fermatevi in ​​una delle chiese o al Museo Vetrario a Fondamenta Giustinian.

Consigli per l’acquisto: non fatevi prendere dalla foga dell’acquisto nei grandi showroom di vetro soffiato. Prendetevi del tempo per guardarvi intorno prima di decidere cosa comprare.

Se decidete di pranzare a Murano, ci sono parecchie osterie e trattorie che costeggiano il canale principale. La trattoria Busa alla Torre è la preferita dai locali, si trova in Campo Santo Stefano, alla base della torre dell’orologio, aperto solo a pranzo tutti i giorni.

12:30 - 15:30 – Burano l’isola colorata

La linea 12 del vaporetto collega Murano a Burano in circa 35 minuti, con partenze due volte all’ora. La partenza si effettua solo dalla fermata Faro.

Burano, con le sue piccole case dai colori vivaci, è in sorprendente contrasto con Murano e la stessa Venezia. Sull’isola hanno sempre abitato dei pescatori, che hanno dipinto le loro case nelle tonalità vivaci dei rossi, dei blu e dei verdi in modo da poter ritornare facilmente a casa dopo una giornata di pesca. Mentre gli uomini di Burano erano fuori a pescare, le donne restavano a casa a fare pizzi, famosi per essere tra i migliori d’Europa.

Burano by p.andreaOggi i negozi di pizzi abbondano nella piazza principale di Burano. Troverete di tutto, da pregiati pizzi fatti a mano a quelli di fattura industriale dei souvenir turistici. Di recente la Scuola di Merletti è stato restaurata e ha riaperto al pubblico, si trova nella piazza principale, Piazza Galuppi. Se guardate con attenzione, potete ancora trovare alcune signore del posto occupate a cucire in un negozio o davanti alla porta di casa.

Potete passate tutto il pomeriggio a esplorare le stradine e i canali di Burano. Con i suoi colori brillanti, è il paradiso per artisti e fotografi. Assicuratevi di visitare la casa più colorata di Burano, Casa Bepi.

Se decidete di mangiare più tardi, troverete alcuni dei migliori prodotti alimentari della zona presso la Trattoria Da Romano, ampiamente conosciuta per il suo risotto alla pescatora. Da non perdere i famosi biscotti ‘S’, o Buranelli, che preparano nella Pasticceria di Carmelina Palmisano in Piazza Galuppi.

16:00 - 17:30 – l’isola di Torcello

Torcello - Ponte del Diavolo by J.BeddoeSe avete ancora un po’ di energia, una visita all’isola di Torcello a soli cinque minuti di barca da Burano è il modo perfetto per coronare la giornata sulle isole veneziane. La linea 9 del Vaporetto parte due volte al giorno per collegare le due isole.

Sbarcati dal vaporetto, dirigetevi a piedi lungo il canale fino a raggiungere il centro di Torcello dove si trova la Basilica. Lungo il tragitto troverete un paio di minuscole osterie e il Ponte del Diavolo.

Torcello, che risale al V secolo, una volta aveva una fiorente popolazione di 20.000 abitanti. Nel 1300, a causa dello sviluppo della zona di Rialto e dopo un’infestazione di zanzare, i residenti di Torcello sono fuggiti a Venezia, lasciando l’isola praticamente disabitata. Oggi risiedono circa 10 famiglie sull’isola, dove si trovano ancora la bella chiesa di Santa Fosca, che risale al XI secolo, e la Basilica di Santa Maria Assunta, costruita nel 638 e che ospita mosaici del IX al XII secolo.

L’ultima barca per tornare a Burano parte intorno alle 20:00.


Risparmia a Venezia!

Sfrutta questi sconti esclusivi!

Leggi di più

Ultime prenotazioni a Venezia

Ottieni tutti gli articoli di Venezia con un semplice click!

Scaricando la guida dai il tuo consenso a GowithOh per ricevere pratiche informazioni, sconti esclusivi, info su futuri eventi e consigli per visitare le città.